Un po' di me e della mia passione

Ideavo, disegnavo e coloravo; non ricordo di aver fatto altro da bambino. Una matita, un foglio e quello che avevo dentro si manifestava sulla carta quasi per magia. Di certo i molti disegni che realizzavo non erano capolavori, somigliavano perlopiù ad una certa forma di figurativo enigmatico astratto e seppur rimanessi perennemente insoddisfatto del risultato, con perseveranza alla fine le emozioni e l'immaginazione prendevano luce, ed era tutto ciò che contava.
A proposito di perseveranza, porto con me il ricordo di un particolare disegno, che mi ha seguito per almeno 20 anni. Realizzato non so più in quanti esemplari e alla fine sempre cestinato. Ora conservo molto gelosamente solo l'ultima versione. Spero sia veramente l'ultima 😉
Fin dalla scuola primaria mi cimentavo nell'eseguire disegni e lavoretti per i miei compagni e amici e la mia più grande remunerazione per tutto quello che realizzavo, era il vedere la felicità negli occhi di chi mi aveva commissionato il "lavoro". Credetemi una gran bella ricompensa!
Ora dopo tante "peripezie" e tanto "peregrinare", per gioco, sono finito a disegnare fumetti. E' proprio vero, più si cresce più si torna bambini 😀

mi presento...